EMUC17
Twelfth European Symposium
Xagena Mappa
Medical Meeting

Roxadustat corregge l'anemia nei pazienti in emodialisi e in dialisi peritoneale


I problemi di sicurezza associati agli analoghi dell’Eritropoietina e del Ferro per via endovenosa ( IV ) per il trattamento dell'anemia nella malattia renale cronica ( CKD ) inducono allo sviluppo di terapie più sicure.

Roxadustat ( FG-4592 ) è un inibitore HIF-PHD ( inibitore della prolil idrossilasi del fattore inducibile dall'ipossia ), da assumere per via orale, che promuove l'eritropoiesi attraverso la trascrizione HIF-mediata.

E’ stato effettuato uno studio in aperto, randomizzato, di correzione dell’emoglobina ( Hb ) nei pazienti anemici ( emoglobina inferiore o uguale a 10.0 g/dl ) in emodialisi o in dialisi peritoneale.
Alcuni dei 60 pazienti non hanno assunto Ferro, altri Ferro per via orale e altri Ferro per via endovenosa, durante il trattamento con Roxadustat per 12 settimane.
I livelli basali medi di emoglobina erano 8.3 ± 1.0 g/dl nei pazienti arruolati.

Roxadustat a dosaggi titolati ha aumentato i valori medi di emoglobina di 2.0 g/dl o in misura maggiore entro 7 settimane, indipendentemente dallo stato basale di replezione del ferro, livello di proteina C-reattiva, regime di supplementazione di Ferro, o modalità di dialisi.

La variazione massima media di emoglobina rispetto al basale ( ΔHbmax ) [ endpoint primario ] è stata pari a 3.1 ± 0.2 g/dl nell’arco di 12 settimane nei pazienti valutabili per l’efficacia ( n=55 ).

Nei gruppi trattati con Ferro per via orale o per via endovenosa, ΔHbmax è risultato simile e maggiore rispetto al gruppo no-Ferro.

La risposta dell’emoblogina ( aumento di emoglobina maggiore o uguale a 1.0 g/dl al basale ) è stata ottenuta nel 96% dei pazienti valutabil per l’efficacia.

I valori medi sierici di epcidina sono diminuiti significativamente a 4 settimane: nell'80% dei pazienti in emodialisi non riceventi Ferro ( n=22 ), nel 52% dei pazienti in emodialisi e dialisi peritoneale che stavano ricevendo Ferro per via orale ( n=21 ), e nel 41% dei pazienti in emodialisi riceventi Ferro per via endovenosa ( n=9 ).

In conclusione, Roxadustat è risultato ben tollerato e ha corretto l'anemia nei pazienti in emodialisi e dialisi peritoneale, indipendentemente dai valori di stato di replezione del ferro o dei livelli di proteina C-reattiva e con supplementazione di Ferro per via orale o per via endovenosa.
Inoltre, Roxadustat ha ridotto i livelli sierici di epcidina. ( Xagena )

Besarab A et al, J Am Soc Nephrol 2015; Epub ahead of print

Xagena_Medicina_2015



Indietro

Headlines

I pazienti con malattia arteriosa periferica in emodialisi hanno presentato una riduzione significativa del rischio di eventi avversi maggiori cardiovascolari e nell’arto quando sono stati trattati co ...