Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Mappa
Medical Meeting

Pazienti in età pediatrica con malattia renale cronica: la sicurezza e l'uso di Darbepoetina alfa, un farmaco stimolante l’eritropoiesi, nel trattamento dell’anemia


Sono disponibili limitati dati prospettici sulla sicurezza nel lungo periodo della Darbepoetina alfa ( Aranesp ) nel trattamento dell'anemia nei bambini con insufficienza renale cronica ( CKD )

Uno studio osservazionale di fase IV ha preso in esame i bambini di età uguale o inferiore a 16 anni con anemia da insufficienza renale cronica e trattati con Darbepoetina alfa per 2 anni o meno.

Un totale di 319 pazienti sono stati inclusi nell'analisi ( età media: 9.1 anni ); di questi, 158 ( 49.5% ) erano in dialisi all'inizio dello studio.

Dei 434 gravi effetti avversi riportati in 162 bambini, i più comuni sono stati: peritonite ( 10.0% ), gastroenterite ( 6.0% ) e ipertensione ( 4.1% ).
Sei pazienti ( 1.9% ) sono morti ( i decessi non erano correlati a Darbepoetina alfa ).
Quattro pazienti ( 1.3% ) hanno sperimentato sei gravi reazioni avverse.

Il range di dosaggio di Darbepoetina alfa ( media geometrica ) era di 1.4-2.0 microg/kg/mese.

La concentrazione media al basale di emoglobina era pari a 11.1 g/dl; valori medi per i bambini sottoposti e non-sottoposti a dialisi all'inizio dello studio variavano nel range 10.9-11.5 g/dl e 11.2-11.7 g/dl, rispettivamente.

Nel complesso, 48 pazienti ( 15.0% ) hanno ricevuto una trasfusione o più.

In conclusione, nessun nuovo segnale di sicurezza per Darbepoetina alfa è stato riscontrato nei bambini che hanno ricevuto Darbepoetina alfa per l'anemia associata a insufficienza renale cronica per 2 anni o meno.
Sulla base delle concentrazioni di emoglobina e della necessità di trasfusioni, Darbepoetina alfa è risultata efficace nel gestire l'anemia in questi pazienti. ( Xagena )

Schaefer F et al, Pediatr Nephrol 2015; Epub ahead of print

Xagena_Medicina_2015



Indietro

Headlines

I pazienti con malattia arteriosa periferica in emodialisi hanno presentato una riduzione significativa del rischio di eventi avversi maggiori cardiovascolari e nell’arto quando sono stati trattati co ...